domenica 3 agosto 2008

Sono tornata

Ebbene sì, dopo 8 giorni in USA sono tornata nella mia bellissima Italia!
Io adoro viaggiare e mi adatto a tutto, sono cittadina del mondo mi trasferirei ovunque anche domani però se ci vado per vacanza o lavoro poi sono contenta di tornare a casa.
In più devo ammettere che l'USA non è proprio il mio paese.
Venerdì a cena con Alessio abbiamo elencato le cose che non ci piacciono proprio dello stile americano.
Mi scuso da subito con le americane che leggono questo post, preannuncio che è solo una questione di abitudini.
La prima cosa che non mi piace degli USA sono i water che hanno l'acqua fino a metà e che non hanno lo scopino al water! Ripeto è una questione di abitudine, però l'acqua al bagno io la preferisco bassa.
Un'altra cosa che odio è il non saper dare il resto: se devo pagare 11 dollari e 10 cent, io, come in Italia, dò 20 dollari di carta e poi un dollaro e 10cent aspettandomi come resto una banconota di 10 dollari. Beh, la maggiorparte dei negozi mi ha ridato il dollaro e 10 cent! Ovvio che non tutti sono così, ci mancherebbe!
Per non parlare del servizio ai ristoranti. come sapete tutti i camerieri in USA percepiscono uno stipendio basso e il loro stipendio è fatto soprattutto di mance, cos'implica ciò? Un servizio fantastico! Anche troppo! Ogni due minuti arriva il cameriere che ti domanda se ti serve qualcosa, sembra un paradiso però vi assicuro che dopo un pò questa cosa ti rompe! O meglio a me dopo un pò che non ho intimità con mio marito e/o amici mi urta!
Sempre al ristorante: gli americani non sanno cosa significa pagare alla ROMANA! Non pretendo che mi capiscano quando dico alla romana, però se dico: possiamo avere 4 ricevute, mi aspetto il conto diviso 4 e invece loro vengono ti danno la ricevuta con quello che hai mangiato!
Però voglio spezzare una lancia a favore dei camerieri: vengono prendono le ordinazioni e poi senza domandare nulla ti mettono quello che hai ordinato davanti! Per me che dimentico sempre quello che ordino è davvero una figata!
E vogliamo parlare del burro? Ogni volta portano pane caldo e burro a volte montato che io adoro! Quindi un punto per il burro ma c'è anche un punto a sfavore: perché sulla bistecca mettono il burro??????
Hanno della carne buonissima (io ora per almeno un mese non riuscirò a mangiare carne Italiana) e sanno cucinarla benissimo, ma perché diavolo la rovinano con delle spezie e il burro???
Un'altra cosa che non sopporto è il modo di parlare! Sono super espressivi: "oh no!", "wonderful!", "Oooook!" con un tono da voce proprio da cartoni animati!
Infine, sarà che ho sempre vissuto in uno stato (l'Italia) che prova a fare lo stato sociale, ma non piace vedere dei disabili in fila per 2 ore! A New York al viaggio di andata, per mal tempo è stato cancellato il volo NYC-Seattle la nostra compagnia ci ha ridato i bagagli e ci ha fatto uscire dall'aereoporto, non ci ha protetto in nessun modo, siamo dovuti tornare al banco check in e vedere se ci facevano fare un rebooking del biglietto. C'era una fila di almeno 3 ore! Mio marito ci ha provato a dire che ero incinta, ma ci hanno detto di fare comunque la fila! Ma io stavo bene, quindi non è che mi sia importato molto di fare la fila, però dietro di me c'era una signora su una sedia a rotelle che era visibilmente sofferente. Noi l'abbiamo fatta passare avanti ebbene è rimasta giusto davanti a noi! Ci fosse stato un altro che l'abbia fatta passare! Per me è assurdo!
Ci sono sicuramente delle cose che apprezzo dell'America: la carne, gli hot dog, i granchi, la precisione in alcune cose quando però non sfocia in otttusagine!
Ammetto che io amo il mio Paese e quindi forse sono un pò esagerata!
Mi aspetto commenti di ogni genere, però voglio precisare che è solo una mia opinione e poi magari ho beccato io persone strane!
Nel prossimo post vi mostro un pò di foto, sicuramente la cosa che ho apprezzato quest'anno è che hanno cose stupende per bambini!

2 commenti:

  1. L'unica cosa che ti posso dire é che non sono mai stata negli Stati Uniti e mi piacerebbe tantissimo andarci:-) Invidia!!!!

    RispondiElimina
  2. Ma ciao!! Ma guardo quanto sei bellina con questo panciotto che cresce cresce cresce!! Sei davvero solare!!
    Ho letto le tue avventure del viaggio in USA. A riguardo dei disabili o persone che non sono in grado di sostenere la fila agli aeroporti, posso dirti che non è così da tutte le parti. Ho girato parecchi aeroporti degli USA Nevada, California, Florida e ti posso assicurare che loro hanno corsie preferenziali. Idem per i supermarket, idem nei parchi a tema, dove addirittura ci sono sedie a rotelle elettriche e dove ci sono addetti che ti accompagnano fino all'entrare delle attrazioni o check in.
    Mi spiace che tu abbia dovuto sopportare la lunga fila, è un disagio enorme e davvero faticoso. Ma dai, rifarai un altro viaggio con il frugoletto in braccio o carrozzina e bada bene che anche qui, una volta fatto il check in, hai diritto ad entrare in aereo prima di tutti gli altri passeggeri. Parola di mamma!! =) Un bacio e verrò tra poco a fare un'altra visita al tuo blog.

    RispondiElimina