giovedì 24 aprile 2008

Perdo il sonno!

Che strano modo per dire che non dormo più tante ore di notte... Penserete che ho ripreso il mio ritmo di scrap e che scrappo fino all'uno/due di notte, vi devo deludere...
Perdo il sonno perché sto leggendo un libro che mi sta prendendo tantissimo!
Il colpevole è lui:


Leningrado, 1941.
Il conflitto che sconvolge l'Europa sembra lontanissimo da questa maestosa città ormai in decadenza, dove gli splendidi palazzi e i grandiosi boulevard testimoniano di un passato glorioso, quando lo zar Pietro I il Grande l'aveva voluta chiamare San Pietroburgo.
Ma le sorelle Tatiana e Dasha Metanova dividono un'unica stanza con i genitori, i nonni e il fratello... questa è la dura realtà della Russia di Stalin. Realtà che, tuttavia, sembrerà bella come un sogno non appena Hitler invade la nazione e comincia a stringere d'assedio la città.
In questo scenario -che la guerra rende precario e privo di certezze- si incontrano la giovane Tatiana e Alexander, un ufficiale dell'Armata Rossa ben diverso dalla maggior parte degli uomini russi: sicuro di sé al punto da sembrare sfrontato, e con uno strano accento che nasconde forse un passato misterioso.
Mentre un implacabile inverno e l'esercito tedesco riducono giorno dopo giorno Leningrado in ginocchio, i Metanov sono costretti ad adottare misure sempre più disperate per sopravvivere.
Tra un bombardamento e l'altro, con il cibo che scarseggia fino a diventare un ricordo cui aggrapparsi per placare i morsi della fame, Tatiana e Alexander sono inesorabilmente attratti l'una verso l'altro. Ma il loro è un amore impossibile, che porterebbe la disperazione nella famiglia di lei e rischierebbe di rivelare l'inconfessabile segreto di Alexander, un segreto che potrebbe distruggerlo... Il cavaliere d'inverno è un romanzo che travolge al pari di un fiume in piena, impeccabilmente costruito come i grandi classici con un'eroina pura e generosa, degna erede di Natasha e Lara, un eroe valoroso e incorrotto e un amore destinato a trionfare sulle devastazioni della guerra. Ma è anche -sullo sfondo di uno degli eventi più drammatici della seconda guerra mondiale- l'intenso resoconto del fallimento delle utopie e della tragedia di un intero popolo, raccontato attraverso le miserie e le sofferenze quotidiane degli eroi senza volto e senza gloria travolti dal flusso della Storia.


Sarà che è una storia d'amore ed era tantissimo che non leggevo un libro su una storia d'amore, sarà che in questo periodo vedo amore ovunque, o sarà semplicemente che questo libro mi piace tantissimo! Non so, fatto sta che mi addormento sul divano alle 20.30 mentre Alessio gioca alla Xbox, alle 23.30 lui mosso da compassione mi sveglia e saliamo su, mi faccio la doccia e poi a letto mi sono data il limite di leggere solo fino alle 2, ma ieri sera ho sforato e ho chiuso il libro alle 2 e mezza, risultato? Questa mattina ho un sonno spaventoso e in più non riesco a concentrarmi molto anche perchè sono in momento clou del libro e penso ad Alexander e Tatiana. Lo so non sono molto normale..
Sono già oltre un quarto del libro e ho iniziato a leggerlo martedì, vorrei ringraziare Liz per avermelo consigliato.
Spero tanto che nel prossimo post ci sia qualcosina di scrap!
Vadoa cercare il sonno che ho perso!

2 commenti:

  1. A me Liz l'ha prestato e l'ho letto anch'io tutto d'un fiato !! E' davvero stupendo e mi ha fatto conoscere anche tante cose della Russia che non conoscevo (da rabbrividire !!) Ora sto leggendo il seguito: Tatiana e Alexander

    RispondiElimina
  2. Anche io l'ho letto ed ho letto anche il seguito e posso affermare che è uno dei libi più belli che io abbia letto!!!
    Pativo il freddo e struggevo d'amore insieme a loro, mi sentivo parte integrante del libro, una sensazione che mai nessun altro libro mi ha dato!!
    Ora l'avrai anche finito di leggere e avrai ripreso a dormire, approfittane, perchè tra poco non dormirai per altri motivi!!!;-)
    Non ho ancora avuto modo di farti tanti auguri e...complimenti per il pancino, è bellissimooooooooooo!!!
    baci baci
    simona

    RispondiElimina