martedì 7 agosto 2007

Scrappa la scrapper!
La scorsa settimana Stefy ha lanciato una nuova iniziativa sul gruppo ScrapbookingItalia l'iniziativa si chiamava SCRAPPA LA SCRAPPER!
Ognuna di noi spediva una propria foto alla hostess (Stefy) la quale faceva degli abbinamenti sorteggiando i nomi e ognuna di noi doveva scrappare la foto di un'altra partecipante.
A me è capitata proprio Stefyche mi ha inviato una foto stupenda!
Il formato che ho utilizzato è l'A4 visto che il BOM della Stefy è proprio A4, e visto che la foto mi piaceva da impazzire, ho voluto fare una pagina che la mettesse in risalto.

Per la prima volta ho utilizzato delle trasparenze sulle mie pagine.
Se si tira il cerchietto dov'è la "S" si potrà leggere una tag dove ho scritto degli aggettivi che secondo me descrivono Stefy.
Come al solito attendo i vostri commenti.

giovedì 2 agosto 2007

Di ritorno
Iole oltre ad essere la coscienza di Rosy è anche quella vocina che mi ripete di aggiornare il mio blog.
La lunga assenza da questo blog è stata causata dalla mia assenza dall’Italia. Ebbene sì. Sono stata due settimane negli Stati Uniti d’America.
Vacanze? Un po’ e un po’. Infatti la prima settimana a New York era una settimana di Luna di miele mentre l’altra settimana ero per lavoro a Seattle.
Vi racconto un po’ di questo viaggetto, magari in più post, non so voi, ma io mi annoio a leggere post troppo lunghi.
Iniziamo da New York, devo ammettere che ho trovato NYC STREPITOSA!
Ma cominciamo dall’inizio. La vacanza non è iniziata nel migliore dei modi, visto che Alessio (mio marito) ha visto male l’orario dell’aereo eravamo convinti di partire per Parigi alle 13 di lunedì e invece dovevamo partire alle 10, per fortuna che siamo arrivati presto in aereoporto e quindi non abbiamo avuto alcun problema anzi abbiamo dovuto attendere.
Ma al check in ci accorgiamo anche di un’altra svista: abbiamo una sola ora di scalo per l’altro aereo. Io tutto il tempo del viaggio sono stata in ansia.
Insomma arriviamo a Parigi e, senza esagerare, abbiamo corso per sei chilometri per raggiungere il gate corretto. Arriviamo al gate che l’imbarco non era ancora finito, saliamo sull’aereo e partiamo da Parigi con tre ore di ritardo. A saperlo non correvamo così tanto.
Dopo otto ore di volo arriviamo nella Grande Mela. Andiamo al nastro bagagli e sentiamo chiamare i nostri nomi: i nostri bagagli arriveranno domani in albergo!
Abbiamo pensato: “vabbè oggi non è andata un granchè ci rifaremo a cena e da domani..”
A cena, come tutte le sere passate a NY abbiamo mangiato bistecca!
Dal giorno dopo abbiamo iniziato a fare la colazione americana che ci portava senza fame fino a cena.


Cosa abbiamo visto? Tantissime cose…
Abbiamo iniziato col salire sull’Empire State Building, peccato che la giornata fosse un po’ pumblea e quindi le foto non sono venute chissà quanto bene.

Vi do appuntamento al prossimo post, ma da questo post c’è una novità, ho deciso di scrivere i post anche in inglese in modo che tutti possano capire ciò che scrivo.


Come back
Iole beyond to being the conscience of Rosy is also my little voice that repeats to modernize me mine blog. The long absence from this blog has been caused from my absence from Italy. Well yes. I have been two weeks in the United states. Vacations? So and so. In fact the first week to New York was a honey Moon week while the other week I was for job to Seattle. I tell you a little this vacation, even in more post, I do not know you, but I am bored to read post too much long. I begin from New York, I must admit that I have found NYC SHOCKING! But we begin from the beginning. The vacation is not begun in the best one of the ways, in fact Alessio (my husband) has badly seen the timetable of the airplane was convinced to leave for Paris to the 1.00pm of monday and instead we had to leave to the 10.00 am, fortunately that we are arrives to you in aereoporto soon and therefore we have not had some problem indeed we have had to attend. But to the check in we notice also of an other error: we have one single hour of port of call for the other airplane. I all the time of the travel has been in anxiety. So we arrive to Paris and, without to exaggerate, we have run for six kilometers in order to catch up the gate ones correct. We arrive to the gate ones that the boarding still was not ended, we salt on the airplane and we leave from Paris with three hours of delay. After eight hours of flight we arrive in the Great Apple. We go to the tape lauggages and we heard to call our names: our baggages will arrive tomorrow in hotel! To supper, as all the evenings passages to NY we have eaten bistick! From the day after we have begun to make the breakfast American that it carried to us without hunger until supper.

What have we seen? Many things… We have begun with going up on Empire State Building.

I give appointment to you the next one post, but from this post there is a innovation, I have decided to write the post also in English so that all can understand what I write.